Tag: primavera

Come preparare le koi alla primavera.

Siamo ormai alla fine della stagione invernale, anche se le temperature rimangono ancora piuttosto basse e alla mattina è frequente trovare qualche brinata, il fotoperiodo ha già iniziato ad allungarsi.

 

 

L’aumento delle ore di luce ha un effetto diretto ed evidente sul metabolismo delle koi che iniziano a muoversi sempre di più e ad avere più appetito.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il lungo digiuno invernale e le basse temperature hanno costretto le carpe a consumare le loro riserve lipidiche accumulate durante la bella stagione.

 

 

Se i pesci sono stati correttamente alimentati durante l’estate, arriveranno a fine inverno senza alcun segno di deperimento, pronti per riattivare il metabolismo e affrontare le criticità del cambio di stagione.

La primavera rappresenta il periodo dell’anno più complesso in assoluto per le koi poiché è anche il momento della riproduzione che comporta un notevole dispendio energetico e il rischio di ferite ed escoriazioni.

 

 

Inoltre l’aumento delle temperature riporta in attività tutti gli organismi patogeni che trovano in un pesce debole un eccellente ospite da infestare.

Allora come possiamo fare ad affrontare serenamente la primavera, in modo da riuscire a godere a pieno del risveglio della natura e delle nostre koi?

Innanzi tutto è bene prestare la massima attenzione alla qualità dell’acqua, testandola ed eventualmente apportando le dovute correzioni a quei parametri che risultino essere non ottimali. La gestione della qualità dell’acqua costituisce la base del koi keeping.

Senza una buona consapevolezza gestionale dei valori dell’acqua è impensabile poter mantenere le koi in salute nel lungo periodo. Per acquisire queste competenze non è necessario essere dei chimici o dei biologi ma, affidandovi al vostro rivenditore di fiducia, potrete ottenere tutte le informazioni, la consulenza e l’assistenza in materia.

La qualità della dieta e la corretta modalità di somministrazione del cibo sono altri due aspetti di primaria importanza nell’ottica di una ottimale gestione del laghetto. Le koi sono animali potenzialmente molto longevi e necessitano di un’alimentazione ricca, varia e variabile a seconda dell’andamento stagionale se vogliamo che crescano al massimo delle loro potenzialità e che mantengano il più a lungo possibile la loro bellezza. Ho già trattato questo delicato argomento nell’articolo “come alimentare correttamente le koi” quindi, mi limiterò solamente a ribadire il concetto che, non è possibile mantenere le koi in salute se si trascura o si sottovaluta questo fondamentale aspetto della loro gestione.

Oltre alla qualità dell’acqua e alla dieta, c’è qualche altra cosa che possiamo fare affinché le nostre koi possano affrontare al meglio la primavera? 

Assolutamente si!

Si tratta di preparare fisiologicamente le koi all’arrivo della bella stagione, con tutti i pro e i contro che l’innalzamento delle temperature comportano. 

La prima cosa che possiamo fare è quella di sfruttare il fatto che le koi riprendano gradualmente ad alimentarsi.

Oltre a scegliere il miglior mangime per questa delicatissima fase, possiamo “arricchirlo” con l’aggiunta di Gi.RO.VIT. Si tratta di un integratore alimentare liquido a base di estratti vegetali con proprietà tonico-stimolanti.

La composizione di GI.RO.VIT. è a base di oli essenziali ed estratti naturali di origine vegetale (Fabaceae, Equisetaceae, Rosaceae, Labiateae, Asteraceae, Gentinaceae) Alfa alfa, Equiseto, Rosa Canina, Timo, Echinacea, Tarassaco, Liquirizia, Genziana.

Somministrato regolarmente, il GI.RO.VIT. svolge le seguenti funzioni:

  1. Azione tonico stimolante, in particolare negli stati debilitanti.
  2. Azione di stimolazione dell’appetito per favorire il riequilibrio alimentare.
  3. Azione di apporto di vitamine e oligoelementi, particolarmente utili nei cambi di stagione.
  4. Azione immunostimolante e antidepressiva.

Per ulteriori dettagli sul prodotto e per le modalità di somministrazione, vi rimando alla lettura dell’articolo “Focus on: cos’è e come funziona Nuovo GI.RO.VIT.

 

A questo punto, dobbiamo considerare l’equazione PIU’ CIBO = PIU’ CARICO ORGANICO = PIU’ LAVORO PER IL FILTRO.

Troppo spesso mi sento rivolgere le seguenti domande:

“ma è proprio necessario continuare ad aggiungere batteri al laghetto? Non è sufficiente metterli solo durante la fase di avviamento?”

sali minerali

La risposta è: “SI, è assolutamente necessario aggiungere batteri al laghetto con regolarità e NO, non è assolutamente sufficiente metterli solo durante l’avviamento”.

Vediamo di capire il perché.

Quando ci si rapporta alla gestione di un ecosistema acquatico, naturale o artificiale che sia,  non si può ragionare ed agire a compartimenti stagni.

Il laghetto inteso come volume d’acqua, i pesci che lo abitano, le piante che vi crescono all’interno e sulle rive, gli anfibi che lo frequentano regolarmente o occasionalmente, le alghe, i batteri, ma anche ciò che accade in prossimità delle rive, sono parte integrante del concetto di ecosistema che risulta essere un unico grande organismo e come tale funziona.

Per mantenere questo ecosistema artificiale in equilibrio, dobbiamo assolutamente aiutare il filtro somministrando batteri depuranti con regolarità, tenendo bene a mente che, rispetto ad un ecosistema naturale di pari dimensioni, il nostro laghetto, per quanto grande possa essere, è sempre e comunque sovrappopolato.

Questo è il motivo per il quale è FONDAMENTALE impostare una somministrazione regolare di batteri durante tutto l’anno, che varierà in relazione a fattori abiotici come le temperature, i volumi d’acqua in gioco, il fotoperiodo ecc e fattori biotici quali la biomassa ittica in primis.

Ciò significa che, se non aiutiamo il filtro con una regolare integrazione di batteri ed enzimi, c’è una seria probabilità che si creino le condizioni per un collasso biologico dell’intero laghetto, con conseguenti picchi letali di ammoniaca e nitriti.

Personalmente, ho l’abitudine di anticipare di circa un mese la somministrazione dei batteri depuranti rispetto a quella del cibo , anche se la temperatura dell’acqua è ancora bassa, poiché in questo modo, ho potuto verificare come il filtro risulti maggiormente responsivo all’aumentare del carico organico.

Sempre con un certo anticipo rispetto all’arrivo del caldo, utilizzo Gill fish Professional e ML fish, sia nel lago principale che nelle vasche di allevamento, in dosaggi bassi e a scopo preventivo, per rinforzare le koi prima della ripresa dell’attività dei parassiti.

 

 

Al contrario degli obsoleti trattamenti chimici “tradizionali”, questi fitocomposti della linea Green Vet agiscono tramite il meccanismo del bio accumulo, in maniera naturale, del tutto priva di effetti collaterali sui pesci, sulla biologia del laghetto e del filtro e sulla salute di chi deve maneggiare questi prodotti

Non bisogna dimenticare che i chemioterapici come ad esempio Formalina e Verde Malachite, oppure  gli esteri fosforici come il triclorfon oltre che essere vietati per uso ittico nel nostro paese, espongono i pesci, il laghetto e le persone a tutta una serie di gravi rischi per la salute sia nel breve che nel lungo periodo.

Vi faccio un esempio:

Se io dovessi uccidere una zanzara posata sul muro potrei adottare due tipologie di soluzione:

  1. usare una mano facendo attenzione a non macchiare il muro
  2. spararle con un bazooka 

In entrambi i casi otterrei il risultato sperato, cioè quello di eliminare la zanzara, ma appare evidente come le conseguenze sul muro possano differire in maniera sostanziale.

Questa metafora evidenzia molto chiaramente la differenza che esiste tra i due diversi approcci sopra citati nel trattamento delle koi.

La delicatezza, ma allo stesso tempo la risolutezza della mano rappresentano l’efficacia dei fitocomposti e la completa assenza di effetti collaterali che consegue il loro utilizzo.

La sproporzionata potenza del bazooka è equiparabile all’effetto dei trattamenti chimici pesanti e le intuibili conseguenze dell’esplosione sul muro danno un’idea, seppur vaga, degli INEVITABILI effetti collaterali sulla salute dei pesci, del laghetto e delle persone.

Una ulteriore considerazione da fare è che l’effetto del trattamento con i fitocomposti dura nel tempo poiché le molecole attive si accumulano nei tessuti delle koi, esercitando dall’interno, in maniera continuativa, la loro azione sinergica antiparassitaria, antibatterica e antimicotica

La mia personale esperienza con questi prodotti è assolutamente positiva, avendo riscontrato evidenti benefici sui pesci anche in circostanze particolari come le fasi della riproduzione, a partire dalla raccolta dei riproduttori fino alla deposizione vera e propria, oppure durante le varie fasi della selezione, dove le piccole koi vengono pescate e maneggiate una ad una..

L’assenza di capillari dilatati sulla pelle, la respirazione tranquilla e l’immediata ricerca del cibo non appena rimesse in vasca, rappresentano dei chiari indizi di una situazione di benessere delle koi che permane nonostante siano state pescate, maneggiate e spostate.

Anche nei trattamenti prestagionali, in particolare alla fine dell’inverno, ho potuto verificare come i fitocomposti svolgano egregiamente una funzione preventiva sulla pelle e sulle mucose delle koi, preparandole nel migliore dei modi all’arrivo della bella stagione. 

Solitamente, a partire dai primi giorni di Febbraio, inizio a somministrare  ML fish Professional e Gill fish Professional con le seguenti modalità e dosaggi:

Settimanalmente fino alla fine di Marzo:

ML fish nella dose di 10 ml/100 litri

Gill fish professional 2,5 ml/100 litri

Dai primi di Aprile alla fine di Maggio:

ML fish nella dose di 10 ml/100 litri per due volte a settimana (es. Martedì e Venerdì)

Gill fish professional 2,5 ml/100 litri una volta a settimana (es. alla Domenica)

Questo protocollo preventivo standard può essere ripetuto più volte, anche durante i mesi estivi. senza alcun rischio per la salute delle koi e degli ecosistemi acquatici in generale.

La regolarità e la continuità nella somministrazione sul lungo periodo rappresentano la chiave del successo nell’utilizzo di questi fitocomposti, dato che  essi svolgono la loro azione tramite il meccanismo del bio accumulo nei tessuti delle koi.

In conclusione, appare evidente che possiamo fare molto per preparare le nostre koi alla primavera, l’importante è acquisire consapevolezza delle esigenze fisiologiche di questi animali e fare di tutto per soddisfare al meglio, pianificando gli interventi in base alla logica delle priorità, facendosi seguire e aiutare da un professionista preparato.

 

 

 

 

 

 

 

READ MORE +

Alimentazione e cura delle carpe koi in primavera.

Aiutiamo le nostre Koi ad affrontare al meglio la stagione primaverile e godiamoci il laghetto con la massima serenità in questa splendida stagione.

La primavera è alle porte, a Marzo il fotoperiodo è già aumentato e continuerà a farlo.

Questo è il primo stimolo che avvisa le Koi dell’imminente cambio stagionale.

Ancora prima che l’acqua inizi a scaldarsi, il repentino aumento delle ore di luce influisce in maniera diretta sull’attività metabolica delle koi che incominciano ad essere sempre più attive.

Anche se le temperature sono ancora basse, le carpe sono sempre più in movimento, alla ricerca di qualcosa da mangiare.

 

 

Le basse temperature invernali ed il lungo digiuno hanno messo a dura prova il sistema immunitario dei pesci.

L’apparato digerente delle Koi e’ stato fermo per alcuni mesi, in una sorta di letargo, dove il metabolismo dei pesci era ridotto al minimo, mantenendo attive le funzioni vitali di base.

Questa fase di letargo invernale, del tutto naturale per i pesci che abitano le acque temperate, consente alle koi di poter consumare le riserve energetiche accumulate durante la precedente stagione estiva, innescando alcuni importanti processi fisiologici essenziali.

Ora è il momento di rimettere in moto tutta la fisiologia delle Koi, iniziando proprio con l’alimentazione.

In questo periodo le temperature sono molto “ballerine”, poiché le prime tiepide giornate di sole si alternano a fredde settimane piovose.

la primavera è un momento molto delicato

 Sarebbe molto pericoloso se un improvviso sbalzo termico bloccasse il processo digestivo nelle Koi.

Infatti, la fermentazione del mangime eventualmente non digerito potrebbe causare problematiche spesso letali nelle carpe.

Per questo è fondamentale scegliere la dieta giusta per la primavera ed è altrettanto importante somministrarla correttamente, sia nelle quantità che nelle tempistiche.

Anche in questo caso, i consigli e l’assistenza di un professionista qualificato ed esperto sono di fondamentale importanza per evitare errori.

Di solito, inizio la stagione somministrando alle koi, piccole quantità del mangime ricostituente affondantea granulometria fine, un alimento molto appetibile e digeribile anche alle basse temperature, comunque non inferiori agli 8 gradi centigradi.

Cerco di somministrarlo in quantità ridotte, durante le ore centrali e più calde della giornata, inoltre, la granulometria fine favorisce una digestione più rapida, riducendo i rischi di cui sopra.

In alternativa, le mie koi vengono alimentate anche con i mangimi Koi cure e “immunostimolante”, entrambi galleggianti, due ottimi cibi primaverili ad alta digeribilità e anch’essi contenenti diverse componenti capaci di stimolare il sistema immunitario.

Ottimi per questo periodo sono anche le referenze Hikari Saki Balance e Hikari weath germ che rappresentano una eccellente opportunità di integrazione alimentare, allo scopo di poter offrire una dieta veramente completa e bilanciata alle nostre carpe.

Infatti, una dieta varie ed equilibrata risulta essere “l’asso nella manica” a disposizione di ogni appassionato, per poter ottenere soddisfazione e successo in questo meraviglioso hobby.

Ci tengo a precisare che il mercato delle koi offre una grandissima varietà di mangimi, reperibili sia presso i Garden center sia presso i negozi specializzati.

Le referenze menzionate in questo articolo sono le stesse che io utilizzo per le mie koi e che ho testato in diversi anni di studi a tavolino e di esperienza sul campo, coadiuvato dalla professionalità e dalla competenza di personale specializzato in tema di alimentazione dei pesci.

La primavera è la stagione più delicata per le Koi, dato che, durante l’inverno, l’attività del loro sistema immunitario è parecchio  diminuita e con il rialzo delle temperature gli organismi patogeni si mettono in moto molto rapidamente.

il proverbiale appetito delle karashigoi

 A questo punto, bisogna fare ripartire quanto prima l’attività del sistema immunitario dei pesci e l’unico modo è utilizzare mangimi di elevata qualità, contenenti appositi “pacchetti immunostimolanti”.

Durante le fasi che precedono la primavera, oltre ad alimentare le Koi come ho spiegato sopra, controllo regolarmente la qualità dell’acqua con gli appositi kit di analisi Jbl.

In particolare, trattandosi di un periodo molto piovoso, bisogna monitorare costantemente il valore della durezza carbonatica “KH” che potrebbe scendere sotto valori limite, oltre i quali, questa famiglia di sali, non riuscirebbe più a garantire l’effetto tampone sul pH.

Se il valore di KH dovesse scendere sotto i 7d* KH occorre ripristinare la concentrazione di sali minerali dosando gradualmente il KH+.

sali minerali KH+

Dal momento che le Koi rimettono in moto il loro metabolismo, è buona norma ricominciare con una regolare somministrazione di batteri depuranti che andranno a rinvigorire e a rinnovare le colonie batteriche del filtro e del fondo.

le koi iniziano a muoversi

La riattivazione dell’attività biologica del laghetto deve essere curata con estrema attenzione, poiché altrimenti si potrebbe concretizzare il rischio di un precipitoso peggioramento della qualità dell’acqua sotto forma di accumulo di ammoniaca o nitriti, tutti composti potenzialmente mortali per i pesci. 

Oltre a creare le migliori condizioni ambientali per una ripresa dell’attività delle Koi, la regolare somministrazione di batteri e di KH+, scongiura in maniera del tutto naturale, la formazione delle temute alghe filamentose.

La gestione consapevole del laghetto e delle koi in questo delicatissimo periodo consente alle carpe di affrontare nel migliore dei modi la stagione riproduttiva e ci permette di godere pienamente e serenamente delle bellezze che la primavera ci regala, dentro e fuori dall’acqua.

READ MORE +