Luca Ceredi

Salve a tutti, mi presento: sono Luca Ceredi e allevo koi nel senso zootecnico del termine, da circa 20 anni.

Sin da bambino, sono sempre stato molto attratto dal mondo sottomarino e dagli ambienti acquatici in genere.

Da ragazzo, ho conseguito i brevetti da sommozzatore con autorespiratore di primo, secondo e terzo livello CMA (confederazione mondiale delle attività subacquee).

Per parecchi anni, ho lavorato come istruttore di nuoto durante le stagioni invernali e come
salvataggio in spiaggia durante le stagioni estive avendo conseguito anche questi due brevetti.

Dopo il Liceo Classico, la passione per il mare mi ha portato a laurearmi in Scienze ambientali, indirizzo marino biotico, presso la facoltà di Ravenna e ad intraprendere la strada dell’apnea profonda, che tutt’ora mi regala grandi emozioni e soddisfazioni.

Oggi, mi occupo di consulenza nel campo dell’acquariologia hobbistica, del risanamento degli ambienti acquatici sia naturali che artificiali, della salute della loro componente biotica, della costruzione e del mantenimento di laghetti ornamentali e in particolare modo, mi occupo dell’allevamento e della riproduzione delle koi.

Presso la mia Koi Farm, a Borello di Cesena, allevo questi meravigliosi pesci, producendo  ogni anno, circa 500 Tosai di differenti varietà (molte immagini sono visibili su youtube).

Inoltre, progetto e realizzo laghetti ornamentali e relativi impianti di depurazione biologica e stazioni di fitodepurazione.

L’enorme passione per le Koi unita agli studi universitari e ad un’esperienza decennale sul campo,  mi hanno  portato ad occuparmi anche della salute di questi pesci, tanto sotto l’aspetto della prevenzione, quanto sotto quello della diagnostica e della cura delle loro patologie.

Negli ultimi anni, grazie ad un meticoloso lavoro di selezione e di studio delle principali linee di sangue giapponesi, sono
riuscito ad ottenere un notevole incremento della qualità delle koi nate presso la Koi Farm, sia sotto l’aspetto del genotipo che del fenotipo.

 

Guarda la slideshow!

 

Facciamo chiarezza:

Facciamo chiarezza:

La nomenclatura giapponese relativa all'età delle koi: Mi trovo a scrivere questo articolo poiché ho notato, con grande dispiacere, che persiste una enorme confusione riguardo alla classificazione delle età delle koi. Si tratta di un utilizzo scorretto della nomenclatura giapponese che parte proprio dalla scarsa ...

READ MORE +

La corretta gestione del Biofilm

La corretta gestione del Biofilm

Impariamo a sfruttare il biofilm che si sviluppa sulle superfici sommerse del laghetto. Che cos'è il biofilm? Il biofilm e' un sottile strato, dello spessore di pochi millimetri che ricopre ogni centimetro quadrato di superficie sommersa del laghetto. Il biofilm e' costituito da una componente abiotica e da una ...

READ MORE +

Come gestire correttamente le alghe filamentose.

Come gestire correttamente le alghe filamentose.

Le mosse vincenti nella lotta contro le alghe filamentose! La comparsa delle temute alghe filamentose, specialmente durante il periodo primaverile, è certamente uno dei problemi più ricorrenti che preoccupa i possessori di un laghetto. Infatti, la fioritura, talvolta massiccia di questo tipo di alghe, può ...

READ MORE +

Aiutiamo le nostre Koi ad affrontare al meglio la stagione primaverile e godiamoci il laghetto con la massima serenità in questa splendida stagione.

Aiutiamo le nostre Koi ad affrontare al meglio la stagione primaverile e godiamoci il laghetto con la massima serenità in questa splendida stagione.

La primavera è alle porte, a Marzo il fotoperiodo è già aumentato e continuerà a farlo. Questo è il primo stimolo che avvisa le Koi dell'imminente cambio stagionale. Anche se le temperature sono ancora basse, le carpe sono sempre più in movimento, alla ricerca di qualcosa da mangiare. Le basse temperature invernali ...

READ MORE +

Utilizzo del KH+ nel laghetto

Utilizzo del KH+ nel laghetto

Si tratta di una particolare miscela di sali minerali fondamentali per la stabilita' del pH dell'acqua e per una sana crescita dei pesci. Dato che i laghetti ornamentali non possiedono un naturale fondale melmoso, le carpe non riescono a trovare nei sedimenti la giusta quantita' e varieta' di sali minerali necessari ...

READ MORE +
More posts